Brevetti

PROCEDURE DI DEPOSITO DOMANDE DI BREVETTO

Le procedure di deposito delle domande di brevetto (Priorità – Estensioni –Post PCT– Validazioni – Domande Divisionali) prevedono:

 

VALUTAZIONE DI BREVETTABILITÀ

  • Richiesta di compilazione del modulo di invention disclosure agli inventori;
  • Trasmissione del disclosure e richiesta dell’Opinione Preliminare al deposito ad esperti dell’area di riferimento dell’invenzione
  • Trasmissione dell’Opinione Preliminare alla Commissione Brevetti per analisi del caso brevettuale e acquisizione del Parere a procedere;
  • Eventuali contatti con soggetti contitolari per concordare la gestione condivisa del titolo e la sua regolamentazione (Contratto di Condivisione della Titolarità) .

 

AUTORIZZAZIONE AL DEPOSITO

  • Individuazione degli Studi brevettuali per il deposito della domanda di priorità (primo deposito);
  • Raccolta dati e perfezionamento del Contratto di Cessione dei Diritti sul Brevetto agli inventori;
  • Predisposizione Delibera del Consiglio di Amministrazione;
  • Esecuzione della delibera del Consiglio di Amministrazione, attraverso il mandato a procedere al deposito della domanda di brevetto agli Studi brevettuali.
  • Eventuale stipula del Contratto di Condivisione della Titolarità con i contitolari.
continuazione e mantenimento delle domande di brevetto

Nei 12 mesi successivi al deposito della priorità si decide la strategia di continuazione delle privative attraverso un confronto costante con gli inventori, l’Ufficio per la Valorizzazione della Ricerca della Regione Toscana (UVAR) e la Commissione Brevetti e si optano scelte diverse a seconda delle opinioni emesse dagli esaminatori nazionali delle Organizzazioni Governative preposte.

 

Le procedure di mantenimento delle domande possono riferirsi a diverse attività (dal pagamento delle tasse annuali, alle risposte agli esaminatori, etc.) che comunque prevedono: quantificazione dei costi e relativo scadenzario, richiesta del parere a procedere alla Commissione Brevetti, trasmissione del mandato ufficiale allo Studio brevettuale.

 

Per quanto riguarda la valorizzazione delle IPR di Ateneo, il Liaison Office si occupa di gestire le relazioni con le imprese interessate, collaborando attivamente con organismi intermedi ed enti che si occupano di business development (UVAR, Toscana Life Sciences, Poli di innovazione, Distretti industriali, ecc.)

Brevetti a titolarità dell'Università di Siena

L'Università di Siena pubblica qui di seguito i titoli brevettuali in portafoglio e si rende disponibile a valorizzare i propri diritti di proprietà intellettuale attraverso specifici accordi di trasferimento; a tale fine invita gli interessati a contattare il Liaison Office all'indirizzo brevetti@unisi.it

The University of Siena is willing to stipulate agreements on its Intellectual Property Rights. Please find below the patent portfolio. For further information, please contact the Liaison Office at brevetti@unisi.it

PORTAFOGLIO BREVETTUALE