C.I. DI ANATOMIA PATOLOGICA

C.I. DI ANATOMIA PATOLOGICA

AF integrata
Scheda dell'insegnamento
Anno accademico
2013/2014
Anno accademico di espletamento
2016/2017
Afferenza
Corso di Laurea Magistrale Ciclo Unico 6 anni in MEDICINA E CHIRURGIA
Lingua
Italiano
Crediti
12
Anno di corso
4
Ciclo
Annualita' Singola
Ore di attivita' frontale
96
Prerequisiti

Si suggerisce la conoscenza dei seguenti capitoli:
- anatomia ed anatomia microscopica dei vari organi ed apparati dell’uomo;
- morfologia della cellula e classificazione dei tessuti;
- basi razionali per l’inquadramento nosografico e fisiopatologico delle malattie;
- quadri morfologici delle lesioni cellulari reversibili (rigonfiamento torbido, degenerazione idropico-vacuolare) ed irreversibili, con particolare riguardo alle modalità con cui si attua la necrosi, i quadri citologici ed istologici paradigmatici della forme principali (coagulativa e colliquativa), le modalità e i tempi della riparazione;
- morfologia del processo apoptotico e suo ruolo nelle varie patologie;
- principali aspetti morfologici caratterizzanti patologie mesenchimali di tipo degenerativo quali jalinosi, fibrosi, amiloidosi;
- disturbi di circolo: emorragia; trombosi; embolia; shock; morfologia delle lesioni conseguenti a stasi acuta e cronica; cause ed effetti locali e sistemici dell’ischemia, in rapporto alle condizioni anatomiche e funzionali del circolo (circolo terminale, presenza ed efficienza di circoli collaterali);
- quadri morfologici paradigmatici delle reazioni immunopatogene e loro ruolo nella produzione di danni tissutali e d’organo, nelle reazioni di rigetto e nella patologia autoimmune;
- quadri di alterazione organica nelle principali malattie da accumulo (glicogenosi, mucopolisaccaridosi, lipidosi, siderosi);
- tipi morfologici della flogosi nelle sue varie manifestazioni (acuta, cronica e granulomatosa); complicanze e conseguenti processi riparativi; morfologia degli essudati; ascesso; ulcera;
- adattamento cellulare ed anomalie della crescita (atrofia, ipertrofia, iperplasia, metaplasia, displasia), con particolare riferimento ai precursori morfologici di neoplasia;
- basi razionali per la definizione degli istotipi tumorali, del grado di malignità e dello stadio di progressione neoplastica.