Vietato non toccare

Immagine logo vietato non toccare

"Vietato Non Toccare" è un laboratorio finalizzato alla ricerca delle buone prassi da adottare nella progettazione accessibile degli ambienti dedicati all’arte e alla cultura.
"Vietato non toccare” è un percorso tattile ed olfattivo nella preistoria, privo di barriere fisiche e sensoriali. La visita si compie al buio: i visitatori sono bendati e a piccoli gruppi si affidano alle guide, che li accompagnano lungo l’itinerario fornendo le necessarie informazioni scientifiche, e stimolando le persone ad esplorare e a percepire con gli altri sensi; comincia così il percorso al buio: si esplora con il tatto, si percepisce con l’olfatto e con l’udito, e l’esperienza di visita si arricchisce di sensazioni inaspettate e coinvolgenti.
Dal 2004, anno in cui è stata inaugurata la prima edizione della mostra in Palazzo Patrizi a Siena, sono state allestite altre edizioni in molte città italiane. Dal 2013 sono state progettate nuove mostre tematiche che sono state allestite in occasione delle Notti dei ricercatori a cui aderisce l'Università di Siena.

 

Progetto a cura dell'Ufficio accoglienza disabili e Servizi DSA, del Dipartimento delle Scienze storiche e dei Beni culturali, del Laboratorio LAU di Buonconvento, con il patrocinio della Crui (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane).